Salvatore TROTTA – Omaggio a San Paolo

0
742

 

Omaggio a San Paolo di Civitate

 

Quatt chès sóp a na cuppètt

Na v’cchjarèll faccèt a na f’nèstr

A rast vasan’cól sóp a pòrt

Attùrn tanta rèn ch’lór dù mer

 

Vulív, vìgn e nn’ manch l’òrt

U sól cucènt, u cél azzùrr tant chèr

U pòst cchiù bèll cà crjèt Ddíj

Quìst è u paés míj.

 

                Salvatore Trotta

 

L’autore, come tanti coetanei, emigrò dal paese in giovane età, non in cerca di fortuna, ma perché erano tempi grami per tutti, per cui l’unica alternativa era quella di lasciare, a malincuore, parenti e amici in cerca di un avvenire migliore.

Il ricordo indelebile, sempre vivo nella mente traspare tutto quando l’autore descrive ad un immaginario interlocutore com’è il proprio paese.

Poche parole bastano per farne un ritratto conciso ed esauriente: il paese è costituito da poche case sopra una collina, una vecchietta (la mamma) affacciata ad una finestra forse in attesa dei figli che sono andati via, il vaso di basilico sta ad indicare la tradizione mediterranea, come pure le coltivazioni del grano in primavera colore del mare, gli uliveti, i vigneti e gli orti, il sole cocente del sud, il cielo azzurro tanto caro agli emigranti in terre lontane.

Il posto più bello che abbia creato Dio: questo è il paese mio.                               

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.