Michele GIULIANO – A s’gg’tèll cu fùnn d’ pàgghj

0
824

A s’gg’tèll cu fùnn d’ pàgghjMia madre

A tèngh sèmp ‘nnan’z a l’òcchj!

A véd còm fùss mò!

‘Ddrét o mànt, ‘ppujèt a pòrt

Na s’gg’tèll ‘pp’ttèt d’azzùr.

Turchés còm u cél d’ stu paés

Màmm c’ ‘ss’ttèv quànd jév stràcch !

Sp’jèv fòr i ‘ggènt ca passàv’n

Quella vij jév tùtt u mùnn sìj

Tutt u mùnn passèv dìnt a quèlla vij.

A matìn prèst quàtt pàss,

cu maccatùr ‘nchèp, jév a mèss.

Zitta zitt p’ ‘ng r’sp’gghjà

‘ppannèv pòrt e v’trìn e

‘bb’jèv a camm’nà!

A zuppér cu làtt càvd sòp u tàv’l

e u pèn tost ‘vvanzèt i jurn prìm

Jì facév i mucc’chìll e ‘nzùppèv dìnt

pèn, làtt e occhj ancòr ch’i scazzìll!

M’ facév bèll, m’ facév i bòc’l a i capìll.

‘Rr’nghjév u fèrr ch’ vrèsc  e carvunèll p’ st’rà.

Cu dét ‘mbùss sòp a lèngh

tucchèv sòtt  a piàstr

Frscccc facév e  jèv prònt!

Pò dìnt a cucìn u sùch cu rraù

jì ‘mbunnév u pèn p’ m’

‘dd’cr’jà e sèmp m’ ’nzacchèv

na bott cu cuppìn !

Mamma mij t’nèv l’occhj

vìrd e d’òr  bèll assà !

e cert vòt da ‘nnascùs

l’è vist pùr chijàgn!

E’ ‘bbrùtt quand nu vagliòl

véd a màmm ca chjàgn sola sòl

A s’gg’tèll cu fùnn d pagghj

sta vacànt. Tu n’n c’ sta ‘cchiù!

Nu bèll jurn tu t’ n’ sì jùt.

Ma jì u sàcc ‘ndò si jùt a stà

Mò fàcc na còrz, t’a vèngh a purtà!

‘Ccuscì  pùr ‘llà, quand t’ stràcch,

t’ pu’  ‘ss’ttà!

 

Una piccola sedia con la seduta in paglia

Ce l’ho sempre davanti agli occhi, la vedo come fosse ora. Nascosta dalla tenda, appoggiata alla porta. Una piccola sedia pitturata d’azzurro. Turchese come il cielo di questo paese. Mia madre vi ci sedeva quando era stanca. Guardava fuori la gente che passava. Quella via era tutto il suo mondo e tutto il mondo passava in quella via. Al mattino presto, quattro passi con un fazzoletto sulla testa, andava a messa. In silenzio per non svegliarci, accostava la porta e cominciava a camminare. La ciotola di latte sul tavolo ed il pane duro avanzato il giorno prima. Ne facevo pezzetti che inzuppavo. Pane latte ed occhi cisposi pieni di sonno. Mi faceva bello, mi faceva i boccoli ai capelli.

Riempiva il ferro da stiro con brace di carbonella per stirare. Con un dito bagnato sulla lingua toccava sotto la piastra. Frscccc faceva ed era pronto! Poi in cucina il sugo con il ragù. Io bagnavo il pane per assaggiare e sempre mi dava un colpo con il mestolo. Mia madre aveva gli occhi verdeoro belli assai.

Qualche volta di nascosto l’ho anche vista piangere! E’ brutto quando un bambino vede la madre piangere da sola. La piccola sedia con la seduta di paglia ora è vuota. Tu non ci sei più. Un bel giorno te ne sei andata. Io lo so dove sei andata a stare. Ora faccio un salto e vengo a portartela. Così anche la, quando ti stanchi, potrai sederti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.