LO STEMMA DEL COMUNE dI San PAOLO di Enzo Zampino

0
663

Chissa’ quante volte ci siamo chiesti il perche’ di quelle figure nello stemma paesano..

logo-san-paoloQuando S. Paolo da semplice Casale divenne Universitas (municipio), la gente inizioò a sentire il bisogno di un proprio simbolo d’identificazione. Il primo stemma del paese e’ quello nato nel 1772, quando S. Paolo era già’ un Comune della Provincia della Capitanata. Forse prima di esso ci doveva essere un altro (ricostruito attraverso le ricerche dei maestri Nicola Presutto e Vincenzo Pilolli ) datato 1770 riportante la scritta” OPPIDUM S. PAOLI “. Lo stemma del 1772, presenta un dignitario seduto ( Papa Leone IX dopo la battaglia di Civitate ) e un guerriero ( Roberto il Guiscardo capo dei Normanni) e la scritta L.V.D. S.PAOLO. Il Fraccacreta descrive un altro stemma in uso nel 1834, dal 1777, avente uno scudo ovale con a destra S.Paolo Ap. e a sinistra una civetta sopra un ramo, 2 pecore un bue e sotto una aquila con la dicitura ” Imperium Augustum 1777″ con una scritta intorno in latino. Nel 1923 il Comune incaricò’ l’Archivio Araldico Genealogico di Padova per un bozzetto. Il bozzetto presentava un fascio littorio coronato da un ramo di alloro e uno di quercia sotto una corona a 5 torri e 2 spade incrociate, il tutto in uno scudo sannitico sormontato da una corona a 9 torri. Il Comune però utilizzò solo il fascio littorio e i 2 rami con l’ovale e lo tenne senza autorizzazione fino al 1935. Nel 1936 ,il podestà Giuseppe Grimaldi incaricò il pittore Amedeo Presutto, per uno nuovo stemma. Questi riprese quello descritto dal Fraccacreta con alcuni cambiamenti. In un ovale diviso in 3 parti pose: a sinistra S.Paolo Ap. con la spada e un libro, 2 pecore e a destra la testa di un bue, una civetta su un ramo di quercia. Nella parte sottostante invece, un’aquila reale su un mappamondo con 9 fulmini fra gli artigli e la scritta ” S.Pauli in Daunia ex ruinis Teani signum oppidi” – ” Caesar appell(avit) Teanom Apulon – Imperium Augustum”. Lo stemma rimase in uso per oltre 40 anni. Il 23 settembre 1969, il sindaco Salvatore La Porta, interpellò il maestro Nicola Presutto per realizzare sia il bozzetto dello stemma che quello del gonfalone, dovendosi però attenere alle nuove disposizioni governative (non più’ stemma ovale con scritte interne) e con l’apporto di notizie storiche. Il tutto rimase in oblio per anni. Il nuovo sindaco Giuseppe Oliva, con delibera comunale. del 21 settembre 1974, rincaricò Nicola Presutto. Lo stemma realizzato presenta, tutt’ora, in uno scudo sannitico: in alto a sinistra S.Paolo Apostolo per la devozione verso il Santo dei primi abitanti del Casale; a destra un albero di quercia, la civetta, il bue, la pecora e le spighe di grano che rappresentano la fauna e la flora che vivono e vegetano nella nostra campagna. La quercia rappresenta anche la tenacia del popolo sanpaolese, la civetta e’ il simbolo della Dea Minerva o Atena e quindi della sapienza, il Bue e la Pecora la forza, la bonta’ e la pace. L’aquila simboleggia la potenza dell’Impero Romano sotto il cui dominio Teanum e Civitas Traiana vissero; le scritte .1)“ Signum Oppidi S.Pauli in Daunia ex ruinis Tiati “ significa: lo stemma della citta’ di S.Paolo nella Daunia sorta dalle rovine di Teano; 2) “Caesar appell (avit) Teanom Apulom “: significa Cesare la chiamo’ Teano Apulo; 3) “Imperium Augustum” : significa che la città che diede origine a S.Paolo era sottoposta al dominio di Traiano imperatore, conosciuto come l’Augusto, che nel 100 a.C. ricostruì dalle rovine Teano. Il 30 marzo 1976, dopo una terza revisione dello stemma, il Presidente della Repubblica Leone, emanava il Decreto con cui si concedeva al comune l’autorizzazione a fregiarsi dello stemma e del gonfalone. (Registrazione: Corte dei Conti il 26 aprile 1976; Ufficio Araldico Centrale dello Stato il 18.05.1976, Registro Araldico il 3 maggio 1976).

(Fonte: “Lo stemma del Comune di S.Paolo di Civitate “di N.Presutto e ricerche dello scrivente)

 Vincenzo Enrico ZAMPINO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.