Carmine PAZIENZA – Fogli sparsi di poesie dimenticate.

0
404

Carmine PazienzaDal libro :” FOGLI SPARSI DI POESIE DIMENTICATE”  la cui prefazione è stata curata da Francesco Grassi, abbia tratto per Voi una bellissima Poesia : NATALIZZIE scritta dal poeta nel 1931.

Il poeta ” in carmine patientia” sa assumere il ruolo di “lar familiarisi” (capo famiglia che protegge il focolare domestico).

E lassa sta quisti malincunie !
Che pinz’ a fa ? Ca tu ti scilibrie
che bene ce ricave a pu fa?

Sì, mo fa fridde, ma quand’è svernate
turn’u sole ca vott” u sumenate.
e quand’è giugno pò se meterrà.

Lassa fa a Dio! Chi spera e’ n ce la pigghie
po met”ugrane e po fa gross’i figghie
e muri vecchio, senza iastemà.

Iame, statte cu nnuie, parla nu poco:
‘u vì, mo metto n’ata lena a ‘u foco
ca fa’ cchiu fiamma e te pu ‘ncavedà.

Mo, ne facenne cchiù lu minchiarile,
assittete vicin’a ‘u fucarile,
ca nuie tinime temp’ a fatià !

Tutta la notte, nfi ca iesce ‘u sole,
avime frie i nevole e i scarole
e ‘a cicerchiata e l’avima sta,

ca torna quillu bello Vincenzino
ca sta luntan’ ‘a studià latino
e avima riree e feste avima fa.

Facite chiane, nen facite ‘mbrogie
e stat’attente ca ci bruscia l’oglie.
Gagliù, nen cumenzate a pazzià !

-Angiuline, tu pigghieme ‘a rutelle
-Lucio, canta :”Tu scinni da li stelle”
e piggiate ‘na seggia pe’ papà.

-Vide a Renato ca rire e c’l’occhie
ti chiama: ianna qua, ‘ssittete ‘n ‘crocchie,
rire tu pure e nen te turmentà:

tutti a Natale st’ann’alleriamente
‘mmez’a li figghie e Dio ca vede e sente
scenne da’ ‘u celo, benedice e va !.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.